Collezioni e aree espositive

LABORATORIO DEL GUSTO

Corsi e incontri affrontano in uno spazio appositamente attrezzato il tema del gusto a 360°: dall’educazione alimentare alla conoscenza dei prodotti e della loro filiera. Speciale attenzione è dedicata alla conoscenza della cultura gastronomica lombarda, anche per il fine di diffondere le produzioni agricole del contesto.

Al piano terra di MUSA è predisposto un laboratorio del gusto, che prevede comunicazioni e lezioni sui temi dell’educazione alimentare e di conoscenza del cibo e dei prodotti.

Le attività con i laboratori hanno l’obiettivo di:

  • fornire conoscenze appropriate (imparare le proprietà organolettiche degli alimenti);
  • aiutare a compiere azioni corrette in campo alimentare;
  • sviluppare comportamenti giusti per riorientare, valori, abitudini, …;
  • incoraggiare l’uso di prodotti stagionali e locali;
  • valorizzare gli alimenti di alta qualità nutrizionale.

Il tema del gusto, e quindi dell’educazione alimentare, è affrontato a 360°. Con l’intento di recuperare le conoscenze sugli alimenti prodotti nel territorio lombardo con particolare riferimento a quelli tipici della bassa milanese, per favorire il trasferimento del valore aggiunto del prodotto locale a scala globale. E con l’obiettivo di valorizzare le aziende agricole e il territorio di riferimento.

I vari laboratori sviluppano percorso educativo strutturato in incontri teorico-pratici, per sperimentare e conoscere le materie prime e gli aspetti nutrizionali connessi. I corsi saranno tenuti da nutrizionisti insieme a cuochi per una fusione di conoscenze: la scienza della nutrizione applicata all’arte culinaria. Le lezioni, secondo un metodo didattico partecipativo e ludico, si svolgeranno all’interno del laboratorio di cucina, e saranno suddivise in moduli con obiettivi differenti a seconda dei partecipanti.

SPAZIO MULTIFUNZIONALE

Al piano primo è collocato uno spazio per allestimenti temporanei: mostre, convegni degustazione, formazione. Si tratta di uno spazio multifunzionale, ricavato al posto dell’antico fienile.

L’idea è promuovere la fruizione responsabile, dove il museo è cerniera per la promozione sostenibile del territorio: strutturandosi sull’associazione/successione gusto-paesaggio (cultura, agricoltura, prodotti, cultura). Lo spazio multifunzionale, in ragione della sua flessibilità, rimane liberamente utilizzabile per l’esposizione temporanea di selezionati oggetti o per riunioni, degustazioni, lezioni.

SPAZIO MULTIMEDIALE

Il racconto delle installazioni che intreccia gusto e paesaggio, accompagna il visitatore in una esperienza multimediale e insieme fisica. Contenuti informativi, testimonianze, storia antica e recente, forniscono le coordinate per un percorso che prosegue fuori da MUSA, alla scoperta di luoghi e monumenti, paesaggio agricolo e aree naturalistiche.

MUSA affronta il tema complesso del paesaggio su molteplici piani di lettura. Il senso dell’allestimento multimediale è comunicare i “valori immateriali” del paesaggio rendendo accessibile la complessità tematica anche al visitatore occasionale e al bambino in età scolastica. La sua funzione è complementare e sinergica a quella delle attività didattico-formative e alla funzione di documentazione affidata alla biblioteca e al centro di documentazione. La caratteristica dell’allestimento multimediale è la dinamicità, la possibilità di implementare contenuti e modalità espressive nel tempo, rispondendo alle esigenze comunicative che mano a mano scaturiscono dall’“officina” Salterio, nonché al responso e alla curiosità suscitata nei confronti dei fruitori.

Lo scopo dell’installazione è convogliare tanto il contenuto didattico e informativo, quanto la dimensione sensoriale e suggestiva necessaria per restituire una reinterpretata anima rurale, e invitare all’esplorazione in prima persona del paesaggio. Le installazioni giocano quindi a cavallo tra esperienza multimediale e sensazione materica.

Il Museo raccoglie, conserva ed espone documentazione informatizzata relativa a due temi: gusto e paesaggio, che determinano due progetti educativi/formativi distinti ma connessi. Ma non si struttura come un museo etnografico del mondo agricolo tradizionale. Bensì come un museo-laboratorio di trasmissione della conoscenza sotto forma di educazione all’esperienza diretta: del gusto/alimentazione e del paesaggio, dentro il museo e nel paesaggio. Si rende pertanto necessario immagazzinare in digitale i materiali inerenti gusto e paesaggio (non sono escluse altre forme di collezioni).

ORTO BOTANICO

L’Orto botanico è una sala all’aperto di MUSA, dove le piante sono accompagnate da cartelli indicanti i nomi delle specie, origine, diffusione, uso, habitat.

Insegna in modo partecipativo la conoscenza delle tecniche dell’orticoltura, ma anche i fondamenti del patrimonio agroalimentare milanese e le fasi di coltivazione delle colture di tutto il mondo. Si struttura su due sezioni definite dall’organizzazione degli spazi aperti pertinenziali a MUSA:

  • A sud del museo sono collocate le piante orticole e aromatiche.
  • A nord è collocato un piccolo frutteto didattico composto dalle piante da frutto dimenticate.

La collaborazione con l’Università degli Studi di Milano (Dipartimento di Scienze agrarie e ambientali – Produzione, Territorio, Agroenergia), consente di collocare l’orto in un quadro culturale più allargato, i cui contorni sono definiti dalle seguenti componenti:

  • biodiversità vegetale → per comprendere le molteplici derivazioni da un unico prodotto (“un” latte → “tanti” formaggi), storicizzando gli elementi vegetali originari e le proprietà organolettiche delle produzioni;
  • topografia e strumentazione → come misurazione dello spazio, alla base dell’economia agricola;
  • meteorologia → effetti dei cambiamenti climatici macro e micro;
  • astronomia → conoscenza e gestione del tempo e delle stagioni per l’organizzazione del lavoro agricolo.

STANZA A CIELO APERTO

Il progetto “Comunicare con l’agricoltura” ha dato la possibilità di creare una nuova “Ala” del Museo. Il territorio di Zibido san Giacomo è ricco di realtà agricole innovative, che sviluppano produzioni agricole di eccellenza guardando ad un bacino di utenza che non è più solo locale.

Le aziende agricole assumono un nuovo ruolo all’interno di MUSA – Museo Salterio, Officina del Gusto e del Paesaggio, oltre ad essere meta culturale (visita dei luoghi caratteristici e specificità storico – architettoniche) diventano scuola di formazione attraverso iniziative didattiche con l’utilizzo dei loro prodotti. Insomma una vera e propria sezione del museo che accoglie tradizione e innovazione nelle tecniche di produzione, allevamento e coltivazione, all’interno del Parco Agricolo Sud Milano.